Intervista a Denada Sheshi

1- Come nasce la sua passione per il calcio?
Ho sempre seguito il calcio perché guardavo le partite con papà.. avevamo una sorta di “Derby in casa” , lui Inter e io Milan.
La mia vera passione  però nasce un po’ per gioco e da poco tempo.. Grazie all’agenzia di Andrea Montaneri, partecipo ad un casting dove mi presero per fare la valletta a telelombardia; collaboro in seguito a RTL per europei 2016 con Fulvio Giuliani, Pio ed Amedeo e  poi due anni fa nasce “wags le donne nel pallone”, un format tutto al femminile che tratta di calcio e gossip e ne partecipo come co-conduttrice con  altre due amiche e da allora non riesco più a fare a meno del calcio…
Anche se nella vita faccio tutt’altro…

2- La sua squadra del cuore ?
La mia squadra è il Milan, lo tifo da sempre un po’ per “prende in giro” papà perché lui era Interista e scherzavamo spesso su questo…

3- Il suo calciatore preferito calcisticamente parlando e esteticamente parlando?
Beh, senza ombra di dubbio David Beckham, oltre ad essere un sex symbol, lo ricordo benissimo quando giocava nel Milan: come si faceva a non seguire quelle partite!!!

4- Single?
Attualmente si.

5-Progetti futuri?
Mi piacerebbe nel mio tempo libero collaborare per un programma davvero importante di calcio. cavoli non credevo mai e poi di doverlo dire, ma mi piace un sacco questo sport!

6-Segue la serie B?
In realtà non tanto.. più che altro sento i miei colleghi/amici quando parlano del Foggia e del Bari…

7-Cosa pensa del campionato di Serie B?
Beh, so che quest’anno hanno avuto un campionato molto combattuto ed equilibrato, a breve ci saranno i Play off vedremo come si concluderanno

8-Chi sarà l’ultima promossa in serie A secondo lei ?
Beh, io spero che si qualifichi il Venezia perché mi piacerebbe vedere una partita “capitanata” tra i coach Inzaghi… Chissà, come si comporterebbero in campo i fratelli Simone e Pippo con le rispettive squadre??

9-Cosa pensa di un mondiale senza la presenza della nazionale italiana?
Beh io essendo metà italiana e metà albanese, speravo si qualificasse almeno una delle mie due nazioni.. ma ahimè quest’anno non vedremo ne l’Albania e né soprattutto l’Italia.. penso che l’esclusione dell’Italia sia soprattutto una  grossa perdita economica per il paese!
Ciò che invece mi mancherà di questo mondiale sarà il ritrovo, la baldoria e l’entusiasmo al bar davanti ad un bicchiere di birra per tifare l’Italia.. cos’altro aggiungere: che vinca il migliore!